Se chanto

Devàn de ma fenestro ià ün auzelùn,
tuto la nuèc cianto, cianto sa ciansùn.

Se cianto, che ciante, cianto pa per iù,
cianto per ma mìo ch’es da luèn de iù.

Achèlos muntagnos che tan autos sun
m’empaciùn de veire mes amur un sun.

Baisà-vus muntagnos, planos levà-vus
perché posche veire mes amur un sun.

Davanti alla mia finestra c’è un uccello; tutta la notte canta, canta la sua canzone.
Se canta, che canti pure; non canta per me. Canta per la mia amata che è lontana da me.
Quelle montagne che tanto alte sono, mi impediscono di vedere dove sono i miei amori.
Abbassatevi montagne, pianure alzatevi, affinché io possa vedere dove sono i miei amori.