Quand sona i campànn

Canzone dialettale milanese
Testo di Alfredo Bracchi – Musica di Giovanni D'Anzi
Adattamento per coro maschile di Gianfranco Algarotti

Quand mi t'ho vista passà
un dì per la mia via,
me sun sentì 'nnamuràa
mia piccola Maria;
quand poeu te m'ée dumandàa
se mi te spusarìa,
me sun sentì tüt'el sang a büĵ
e t'ho rispost de sì.

Quand sona i campànn, – din don, din dan, –
alla periferia
quand sona i campànn, – din don, din dan, –
mi te speti, o Maria,
per dìt che fra un an, – din don, din dan, –
te sarét tüta mia:
vedi già do stansett
con trì o quater mas’cett
che me ciàmen «papà!»;
sun cuntent cume un ratt,
mi dòo foera de matt
per la felicità.

Parli con tüti de ti
la sera e la matina
e speti semper quel dì
per fatt la mia spusina;
nissün le alegher ‘me mì
in tüta l'ufficina:
canti e lavùri e me senti serén
perché te voeri ben!

Quand sona i campànn…

[traduzione]
Quando ti ho vista passare, un giorno, nella mia via, mi sono subito innamorato, mia piccola Maria; quando, poi, mi hai chiesto di sposarti, mi sono sentito ribollire il sangue nelle vene e ti ho risposto “sì”.
Quando sento suonare le campane in periferia, io ti aspetto, Maria, per dirti che tra un anno sarai mia; immagino già la nostra casa con tre o quattro maschietti che mi chiamano papà, scoppio dalla contentezza e mi sembra di impazzire per la felicità.
Parlo con tutti di te, la sera e la mattina e aspetto con ansia il giorno in cui sarai mia sposa; nessuno, in tutta l’officina, è allegro come me: canto, lavoro e sono sereno perché ti voglio bene.
Quando sento suonare le campane…