Oh, mama mia, tegném a cà

Canto della Filanda
Armonizzazione di Alessio Benedetti


Oh mama mia tegném a cà
che me in filanda vœuri piœu andà.

Me dœur i pée, me dœur i man
e la filanda l’è di vilàn.

L’è di vilàn per laurà
e me in filanda vœuri piœu andà.

Ghè giò el zentùn fermarudùn
e la filanda l’è una presùn.

L’è la presùn di filandée
e me in filanda soo andada asée!

Oh, oh, oh…
e me in filanda vœuri piœu andà!

Traduzione: «Mamma mia, tenetemi a casa, ché io in filanda non ci voglio più andare. Mi dolgono i piedi, mi dolgono le mani, e la filanda è fatta per i villani (i contadini). È dei villani per lavorare, e io in filanda non ci voglio più andare. C’è giù il cinghione ferma il ruotone (si è sfilata la grossa cinghia di trasmissione e la grande puleggia che trasmetteva il moto agli aspi è ferma) e la filanda è una prigione. È la prigione delle filandaie, e io in filanda ci sono andata abbastanza!».