Daûr San Pieri

Sore i roncs, daûr San Pieri,
cul sciroc o in Luj ch’al sa di fen,
ducj i siums si cirin simpri,
ducj i siums a clamin ben.

E a consolin lis albadis
che an cricât il scûr dai dîs
che gjelôs al ten platât, di simpri,
il lusôr dal Paradîs.

E tal cûr timp di bussadis,
timp di un fûc mai dite a d’un,
distudât cui avostans, mai légris,
in te scune di un autun.

 

[traduzione] Sulle colline, dietro San Pietro, con lo scirocco o in Luglio profumato di fieno,
tutti i sogni si cercano sempre, tutti i sogni portano il bene.

E consolano i fugaci chiarori che hanno incrinato il buio dei giorni
che, geloso, nasconde, da sempre, la luce del Paradiso.

E nel cuore il tempo di baci, il tempo di un amore mai svelato a nessuno,
che si è spento assieme al canto degli ormai tristi grilli agostani nella culla di un autunno.