Suspîr da l’anime

 

Villotta friulana
Testo di Antonio Chiaruttini – Musica di don Oreste Rosso

Suspîr da l'anime,
dôlce Marie,
par me ligrie
ca jù no jè
che vinci il gjubilo
che 'o sint e 'o brami
quant che ti clami
«Marute me!».

Marute me,
Marute me,
quant che ti clami
Marute me!

Marute, o tenare
peraule a dile,
cussì zintile,
s'ingrope il cûr
e di dulcissime 
pâs mi s'inonde
l'anime monde
d'afiet impûr.

Marute me!
Marute me,
quant che ti clami
Marute me!

[traduzione]:
Sospiro dell'anima, dolce Maria, per me, quaggiù non c'è allegria più grande della gioia che sento e desidero quando ti chiamo "Mammina mia".
Mammina mia, quando ti chiamo "Mammina mia".
"Mammina" è una tenera parola che, nel pronunciarla, è così gentile che ti viene un nodo al cuore e mi inonda l'anima di dolcissima pace, libera da affetti impuri.
Mammina mia, quando ti chiamo "Mmmina mia".

 Posted by at 00:13