Luntane, cchiù luntane

Canto popolare abruzzese
Testo di Luigi Illuminati – Musica di Antonio Di Jorio
Armonizzazione per coro maschile di Gianfranco Algarotti

Pe cantà  sta chiarità
ncore me sente tremà!
Tutte stu ciele stellate,
tutte stu mare che me fa sugnà .
Ma pe 'tte sole, pe 'tte
esce dall'anima me,
mezz'a stu ciele, stu mare,
nu cantemente che nze po tené!

Luntane, cchiù luntane
de li luntane stelle,
luce la luce cchiù belle
che me fa ncore cantà.

Marinà , s'ha da vugà
tra tutta sta chiarità,
cante la vele a lu vente
nu cante granne che luntane và:
tu la si ddove vo ì
st'aneme pe' ne' murì,
bella paranze. Luntane
'nghe sti suspire tu i' da menì.

Luntane…

[Lontano, più lontano…]
Per cantare questo chiarore,
in cuore mi sento tremare!
Tutto questo cielo stellato,
tutto questo mare che mi fa sognare.
Ma per te solo, per te
esce dall'anima mia,
in mezzo a questo cielo, a questo mare,
un canto che non si può trattenere.

Lontano, più lontano
delle lontane stelle,
riluce la luce più bella
che mi fa ancora cantare.

Marinaio, si deve remare
tra tutto questo chiarore,
canta la vela al vento
un canto grande che lontano va.
Tu lo sai, bella barca,
dove vuole andare
quest'anima per non morire:
Lontano con questi sospiri tu devi venire.
Lontano…