San Franciscu

 Canti di repertorio, Canti popolari  Commenti disabilitati su San Franciscu
Ott 132013
 

Canto popolare ternano
Parole e musica di Furio Miselli (1901)
Adattamento per coro maschile di Gianfranco Algarotti

Una vorda de questa giornata
giù lo spiazzo dell’Urmu che era!
Ch’alligria da matina a la sera,
tra li soni, lo 'bbé e lo ballà!
De San Marcu le belle 'nfiorate
oh, ch’addore de bussu e mortella
San Franciscu che musica bella
Oh che tempi! Che vòli scordà!

Bellu tempu, bellu tempu si’ firnitu,
ma perché, ‘n’arvèni più, ‘n’arvèni più?
Terni nostru, Terni nostru, 'ndo’ si' jitu?
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu! (2 v)

Pe’ San Marcu ce sta ‘na finestra
‘ndo lo sole ‘na vorda arlucèa
quanno mamma affacciata ci stèa,
nzieme a nonna ‘sta festa a vedè
Mo’ la pora finestra lucente
non cià più quillu bello sprennòre
mo’ se passo me sendo lu core
Che se sfragne a vedèlla accucì

Bellu tempu, bellu tempu si’ firnitu,
ma perché, ‘n’arvèni più, ‘n’arvèni più?
Terni nostru, Terni nostru, 'ndo’ si' jitu?
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu! (2 v)
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu!

 Posted by at 22:55

Derf l’è bel

 Canti popolari  Commenti disabilitati su Derf l’è bel
Ott 132013
 

Testo di Elio Beni – Musica di Gianfranco Algarotti

Nas el sû de drée al Legnùn, la scur l’acqua nel Varùn;
la Madòna sü la Turr la me varda de luntàn,
ogni strada l’è un culur e giù al Burgh suna i campànn.
L’è la festa del paés, se farà la prucessiùn
e giù in piazza de la gésa a se brüserà el balùn.
Poeu se incanterà i canestri, dolci, torte e grandi cesti
mentre ‘l coro, in un cantùn, l’invia là una canzùn:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!» (2 v)

A Pianèz tanti cabrioeu, cabri e pégur al Chignóeu,
funcc a Munt, a Mai e Vignàgh e de agùn gh’è pien el lagh;
a la Balma gh’è un bel Cròtt per la gioia di Pancòtt.
Foeu taràgna  e cudeghìn, scià pulenta e missultìn,
poeu a Curènn, lì, sül stradùn, per un càles de quel bùn.
Un bicér el tira l’oltru, per furtüna gh’è un pilastru!
E, quand tücc i èn pugià là, se incumincerà a cantà:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!» (2 v)

A l’è sira, el sû el va giù, sü nel busch canta el cucù;
i se pizza i ciar ‘ni cà, l’è l’urari  de scenà;
quasi pü nessün per via: è sunà l’Ave Maria.
Ma tri amìs, giaché süi spàll, i èn lì amò al cantùn di bàll,
i se pàsen el ciapèl ma… [«Se gh’è?»] «A gh’è pü de nustranèl!».
I se varda desperàa, poe i se dìs: «Andemm a càa!»
e, cun i öcc fiss vers i stell, a gran vûs va el riturnel:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel anca senza nustranèl!»

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!»

Traduzione: Sorge il sole dietro al (monte) Legnone, scorre l’acqua nel (torrente) Varrone; la Madonna, sulla torre (Castello di Orezio), ci guarda da lontano; le strade sono piene di colori (1) e al Borgo suonano le campane: è la festa del paese, ci sarà la processione e, in piazza della chiesa si incendierà il globo (2). Poi ci sarà l’Incanto dei Canestri con dolci, torte e grandi cesti di frutta, mentre, in un angolo della piazza, il coro intona una canzone: «Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

A Pianezzo ci sono i caprioli; al Chignolo capre e pecore; a Monte, Mai e Vignago si trovano funghi mentre il lago è pieno di agoni. Alla Balma c’è un bel Crotto che fa la gioia dei “Pancotti” (3). Viene servita la polenta taragna con il cotechino, polenta e missoltini; (4) poi, tutti a Corenno, sulla statale, dove c’è un locale con vino buono! Un bicchiere tira l’altro: per fortuna c’è un sostegno! E, quando tutti vi si saranno appoggiati, si incomincerà a cantare: «Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

È sera e il sole tramonta; nel bosco si sente cantare il cuculo. Si accendono le luci delle case: è l’ora della cena. In strada non c’è quasi più nessuno: le campane hanno appena suonato l’”Ave Maria”. Ma tre amici, giacchetta sulle spalle, sono ancora lì, al “Cantùn di ball” (5) e si passano la tazza di buon vino nostrano ma… (che succede!?)… il vino è finito! Allora si guardano disperati, poi si dicono: «Torniamo a casa!» e, con gli occhi fissi verso il cielo stellato, cantano a gran voce il ritornello: «Guardate, gente, com’è bello Dervio anche se il vino è finito! Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

(1)                                       In occasione della festa patronale (Santi Pietro e Paolo – 29 giugno), ogni rione del paese viene bardato da festoni colorati.
(2)                                       Durante la Santa Messa della festa patronale viene incendiato il globo, simbolo del martirio dei Santi Pietro e Paolo.
(3)                                       «Pancòtt» è il soprannome dato ai Derviesi.
(4)                                       Agoni essiccati.
(5)                                       Letteralmente “Angolo delle chiacchiere”, una volta centro del paese e del pettegolezzo.

 Posted by at 17:59

Wenn Wir erklimmen

 Canti popolari  Commenti disabilitati su Wenn Wir erklimmen
Ott 292011
 

E. Hartinger – armonizzazione Coro Delphum

Wenn wir erklimmen schwindelnde Höhen,

steigen dem Gipfelkreuz zu,

in unsern Herzen brennt eine Sehnsucht,

die läßt uns nimmermehr in Ruh´.

Herrliche Berge, sonnige Höhen,

Bergvagabunden sind wir.

Mit Seil und Hacken, den Tod im Nacken

hängen wir an der steilen Wand.

Herzen erglühen, Edelweiß blühen,

vorbei geht´s mit sichrer Hand.

Fels ist bezwungen, frei atmen Lungen,

ach, wie so schön ist die Welt.

Handschlag, ein Lächeln, Mühen vergessen,

alles auf´s Beste bestellt.

Beim Alpenglühen heimwärts wir ziehen,

Berge, die leuchten so rot.

Wir kommen wieder, denn wir sind Brüder,

Brüder auf Leben und Tod.

Lebt wohl, ihr Berge, sonnige Höhen,

Bergvagabunden sind treu.

 

 Posted by at 08:13

Freude und Freunden

 Canti popolari  Commenti disabilitati su Freude und Freunden
Ott 272011
 

E. Zeitler – A. Link

Die Zeiger der Uhr
sie dreh’n sich im Kreis,
stets ohne rast und Ruh’,
und du drehst dich mit,
in Arbeit und Fleiß,
und du begreifst im nu:

Es ist die Freude im Leben,
die wir erstreben, Tag für Tag.
Es sind die Freunde im Leben,
die uns viel geben, Tag für Tag.
Denn wahre Freundschaft im Leben,
sie zählt, was auch geschieht!
Und das ist Leben, das jeder liebt,
und das ist Leben, das jeder liebt!

Gar mancher, der hat
fast alles erreicht,
was es nur gibt für Geld,
und wenn er sich dann
mit andern vergleicht,
bemerkt er was ihm fehlt:

Es ist die Freude im Leben…

Die Freude, die Freundschaft,
Liebe und Glück
sind Werte ohne Preis,
sie geben dir das,
was du gibst, zurück,
wer es erlebt, der weiß:

Es ist die Freude im Leben…

(Traduzione)
Gioia e amici
Le lancette dell’orologio girano senza pausa e senza pace,
e tu giri con loro, nel lavoro e nella fatica, e comprendi in un attimo:
É la gioia della vita che noi cerchiamo giorno per giorno,
sono gli amici nella vita che ci danno molto giorno per giorno.
Poiché la vera amicizia nella vita conta più di qualunque cosa!
E questa é la vita che ognuno ama, e questa é la vita che ognuno ama!
Persino chi ha ottenuto tutto ciò che si può avere con i soldi,
quando si guarda intorno capisce cosa gli manca:
É la gioia della vita…
La gioia, l’amicizia, l’amore e la fortuna non hanno prezzo,
ti ridanno ciò che tu dai; chi lo prova, lo sa:
É la gioia della vita…

 Posted by at 06:33

Amici miei

 Canti popolari  Commenti disabilitati su Amici miei
Gen 012000
 

Testo di Piero Montanaro – Musica di Remigio Passarino

​

Quando ti prende la malinconia

​pensa che c'è qualcuno accanto a te.

Vivere non è sempre poesia

quante domande senza un perché!

Ma l'amicizia, sai, è una ricchezza

è un tesoro che non finirà.

Metti da parte questa tua tristezza,

canta con noi, la tristezza passerà.

Amici miei,

sempre pronti a dar la mano

da vicino e da lontano:

questi son gli amici miei.

Amici miei,

pochi e veri amici miei

mai da soli in mezzo ai guai:

questi son gli amici miei.

Quando ritorna la malinconia

questa canzone canta insieme a noi,

la tua tristezza poi se ne andrà via,

e scoprirai in noi gli amici tuoi.

A volte basta solo una parola

detta a un amico che è un po' giù

fare un sorriso che in alto vola,

torna la vita e di nuovo si va su.

Amici miei,

sempre pronti a dar la mano

da vicino e da lontano:

questi son gli amici miei.

Amici miei,

pochi e veri amici miei

mai da soli in mezzo ai guai:

questi son gli amici miei.

Questi son gli amici miei.

 Posted by at 00:00