coro

ott 132013
 

(Heilig, Heilig, Heilig! – Sanctus aus der deutschen Messe – II)

Musica di Franz Schubert (1797-1828)

Testo italiano di Dante Destefanis

 

Salga a te Signore, l’inno della Chiesa

l’inno della fede che ci unisce in Te.

Sia gloria e lode alla Trinità!

Santo, santo, santo per l’eternità.

 

Una è la fede, una la speranza,

uno è l’amore che ci unisce a Te.

L’universo canta: lode a Te, Gesù!

Gloria al nostro Dio, gloria a Cristo Re!

 

Fonte d’acqua viva per la nostra sete,

fonte di ogni grazia per l’eternità.

Cristo, uomo e Dio, vive in mezzo a noi:

egli nostra via, vita e verità.

 

Venga il tuo Regno, regno di giustizia

regno della pace, regno di bontà.

Torna, o Signore, non tardare più.

Compi la promessa: vieni o Gesù!

 Posted by at 22:36
ott 132013
 

(Salmo 22 – Del pastore buono)

Testo di David Maria Turoldo – Musica di Bepi De Marzi

Il Signore è il mio pastore nulla manca ad ogni attesa.

In verdissimi prati mi pasce, mi disseta a placide acque.

É il ristoro dell'anima mia, in sentieri diritti mi guida

per amore del santo suo nome, dietro di lui mi sento sicuro.

Pur se andassi per valle oscura non avrò a temere alcun male

perché sempre mi sei vicino, mi sostieni con tuo vincastro.

Quale mensa per me tu prepari sotto gli occhi dei miei nemici !

Del tuo olio profumi il mio capo: Il mio calice è colmo di ebbrezza.

Bontà e grazia mi sono compagne quanto dura il mio cammino;

io starò nella casa di Dio lungo tutto il migrare dei giorni.

 Posted by at 22:23

Agnus Dei (Missa De Angelis)

 Canti liturgici  Commenti disabilitati
ott 132013
 

(gregoriano)

 

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi,
miserere nobis.

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi,
miserere nobis.

Agnus Dei, qui tollis peccata mundi,
dona nobis pacem.

 Posted by at 22:09

Sanctus (Missa De Angelis)

 Canti liturgici  Commenti disabilitati
ott 132013
 

(gregoriano)

Sanctus, sanctus, sanctus Dominus Deus Sabaoth.


Pleni sunt caeli et terra gloria tua.


Hosanna in excelsis.


Benedictus qui venit in nomine Domini.


Hosanna in excelsis.

 Posted by at 21:57

Gloria (Missa De Angelis)

 Canti liturgici  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Glória in excélsis Deo

et in terra pax homínibus bonæ voluntátis.
Laudámus te,
benedícimus te,
adorámus te,
glorificámus te,
grátias ágimus tibi propter magnam glóriam tuam,
Dómine Deus, Rex cæléstis,
Deus Pater omnípotens.
Dómine Fili Unigénite, Jesu Christe,
Dómine Deus, Agnus Dei, Fílius Patris,
qui tollis peccáta mundi, miserére nobis;
qui tollis peccáta mundi, súscipe deprecatiónem nostram.
Qui sedes ad déxteram Patris, miserére nobis.
Quóniam tu solus Sanctus, tu solus Dóminus,
tu solus Altíssimus,
Jesu Christe, cum Sancto Spíritu: in glória Dei Patris.
Amen.
 Posted by at 21:35

Derf l’è bel

 Canti popolari  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Testo di Elio Beni – Musica di Gianfranco Algarotti

 

Nas el sû de drée al Legnùn, la scur l’acqua nel Varùn;

la Madòna sü la Turr la me varda de luntàn,

ogni strada l’è un culur e giù al Burgh suna i campànn.

L’è la festa del paés, se farà la prucessiùn

e giù in piazza de la gésa a se brüserà el balùn.

Poeu se incanterà i canestri, dolci, torte e grandi cesti

mentre ‘l coro, in un cantùn, l’invia là una canzùn:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!» (2 v)

 

A Pianèz tanti cabrioeu, cabri e pégur al Chignóeu,

funcc a Munt, a Mai e Vignàgh e de agùn gh’è pien el lagh;

a la Balma gh’è un bel Cròtt per la gioia di Pancòtt.

Foeu taràgna  e cudeghìn, scià pulenta e missultìn,

poeu a Curènn, lì, sül stradùn, per un càles de quel bùn.

Un bicér el tira l’oltru, per furtüna gh’è un pilastru!

E, quand tücc i èn pugià là, se incumincerà a cantà:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!» (2 v)

 

A l’è sira, el sû el va giù, sü nel busch canta el cucù;

i se pizza i ciar ‘ni cà, l’è l’urari  de scenà;

quasi pü nessün per via: è sunà l’Ave Maria.

Ma tri amìs, giaché süi spàll, i èn lì amò al cantùn di bàll,

i se pàsen el ciapèl ma… [«Se gh’è?»] «A gh’è pü de nustranèl!».

I se varda desperàa, poe i se dìs: «Andemm a càa!»

e, cun i öcc fiss vers i stell, a gran vûs va el riturnel:

«Vardì, gent, che Derf l’è bel anca senza nustranèl!»

«Vardì, gent, che Derf l’è bel cun el Burgh, Vila e Castèl!»

 

 

Traduzione: Sorge il sole dietro al (monte) Legnone, scorre l’acqua nel (torrente) Varrone; la Madonna, sulla torre (Castello di Orezio), ci guarda da lontano; le strade sono piene di colori (1) e al Borgo suonano le campane: è la festa del paese, ci sarà la processione e, in piazza della chiesa si incendierà il globo (2). Poi ci sarà l’Incanto dei Canestri con dolci, torte e grandi cesti di frutta, mentre, in un angolo della piazza, il coro intona una canzone: «Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

A Pianezzo ci sono i caprioli; al Chignolo capre e pecore; a Monte, Mai e Vignago si trovano funghi mentre il lago è pieno di agoni. Alla Balma c’è un bel Crotto che fa la gioia dei “Pancotti” (3). Viene servita la polenta taragna con il cotechino, polenta e missoltini; (4) poi, tutti a Corenno, sulla statale, dove c’è un locale con vino buono! Un bicchiere tira l’altro: per fortuna c’è un sostegno! E, quando tutti vi si saranno appoggiati, si incomincerà a cantare: «Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

È sera e il sole tramonta; nel bosco si sente cantare il cuculo. Si accendono le luci delle case: è l’ora della cena. In strada non c’è quasi più nessuno: le campane hanno appena suonato l’”Ave Maria”. Ma tre amici, giacchetta sulle spalle, sono ancora lì, al “Cantùn di ball” (5) e si passano la tazza di buon vino nostrano ma… (che succede!?)… il vino è finito! Allora si guardano disperati, poi si dicono: «Torniamo a casa!» e, con gli occhi fissi verso il cielo stellato, cantano a gran voce il ritornello: «Guardate, gente, com’è bello Dervio anche se il vino è finito! Guardate, gente, com’è bello Dervio con il Borgo, Villa e Castello!».

 

(1)                                       In occasione della festa patronale (Santi Pietro e Paolo - 29 giugno), ogni rione del paese viene bardato da festoni colorati.

(2)                                       Durante la Santa Messa della festa patronale viene incendiato il globo, simbolo del martirio dei Santi Pietro e Paolo.

(3)                                       «Pancòtt» è il soprannome dato ai Derviesi.

(4)                                       Agoni essiccati.

(5)                                       Letteralmente “Angolo delle chiacchiere”, una volta centro del paese e del pettegolezzo.

 Posted by at 17:59

La Sacra Spina

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Testo e Musica di Bepi De Marzi

 

Varda che passa un frate

da Porta Cisalpina;

el riva da l'Oriente co' la Sacra Spina.

Spina di rosa rossa,

o, Spina senza fiore,

o, Spina profumata nel dolore.

Varda che passa un frate

da Porta Cisalpina;

el riva da l'Oriente co' la Sacra Spina.

 Posted by at 17:51

Lu suli si ‘nni va

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Canto popolare siciliano

Armonizzazione di Francesco Sacchi

​

Lu suli si nni va dumani torna;

si mi ‘nni vaju iu (2v)

nun tornu cchiù.

Sicilianedda mia, Sicilianedda,

si mi ‘nni vaju iu (2v)

nun tornu cchiù.

Mhm…

Sicilianedda mia, Sicilianedda,

si mi ‘nni vaju iu nun tornu cchiù.

 

traduzione: Il sole se ne va, domani torna; se me ne vado io, non torno più.

Sicilia mia, Sicilia, se me ne vado io, non torno più.

 Posted by at 17:42

Una sera di settembre

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

(Archivio Corale Bilacus – Bellagio)

Una sera di settembre,

passeggiando alla riviera,

la mia bella al fianco l’era,

al fianco l’era a passeggiar.

La mia bella al fianco l’era…

E nell’aria si sentivano

l’armonia degli uccelli,

sventolavano i suoi capelli

che ricopriva il suo bel sen.

Sventolavano i suoi capelli…

E verran quei bei momenti

che sarem marito e moglie,

goderemo le nostre gioie,

i nostri cuor s’abbracceran.

Goderemo le nostre gioie…

 Posted by at 17:24