coro

Amici miei, venite qui

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 142013
 

Da «Amazing Grace»
Melodia d John Newton
Armonizzazione per coro maschile di John Morgan

Amici miei, venite qui,
cantate insieme a me;
Qualcuno c'è che, da lassù,
dal cielo, sentirà.dal cielo, sentirà.

Le stelle sopra le città
le accende tutte Lui,
ed il sol che ci riscalderà
ce l’ha donato Lui.

Per ogni notte buia che
il cuore oscurerà
amici miei, poi ci sarà
un’alba chiara in più.

Amici miei, venite qui,
cantate insieme a me;
Qualcuno c'è che sta lassù
e non ci lascerà!

 Posted by at 00:39

Sacra aurora

 Canti di repertorio, Canti liturgici  Commenti disabilitati
ott 142013
 

Testo di Carlo Del Teglio

Musica di Francesco Sacchi

 

Sacra aurora dell’anima

la luce nel tuo cielo già fluì,

in me, o Signore, susciti

di nuova vita, un fremito.

Incensi di rugiada a Te

dai cuori assorti salgono;

la terra tutta si colora

di questa sacra aurora.

 Posted by at 00:33
ott 142013
 

Villotta friulana
Testo di Antonio Chiaruttini – Musica di don Oreste Rosso

Suspîr da l'anime,
dôlce Marie,
par me ligrie
ca jù no jè
che vinci il gjubilo
che 'o sint e 'o brami
quant che ti clami
«Marute me!».

Marute me,
Marute me,
quant che ti clami
Marute me!

Marute, o tenare
peraule a dile,
cussì zintile,
s'ingrope il cûr
e di dulcissime 
pâs mi s'inonde
l'anime monde
d'afiet impûr.

Marute me!
Marute me,
quant che ti clami
Marute me!

[traduzione]:
Sospiro dell'anima, dolce Maria, per me, quaggiù non c'è allegria più grande della gioia che sento e desidero quando ti chiamo "Mammina mia".
Mammina mia, quando ti chiamo "Mammina mia".
"Mammina" è una tenera parola che, nel pronunciarla, è così gentile che ti viene un nodo al cuore e mi inonda l'anima di dolcissima pace, libera da affetti impuri.
Mammina mia, quando ti chiamo "Mmmina mia".

 Posted by at 00:13

La mia bela la mi aspeta

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Canto popolare lombardo
Armonizzazione di Arturo Benedetti Michelangeli

La mia bela la mi aspeta,
ma io devo andare a la guera,
chi sa quando che tornerò.

L'ò ardada a la finestra,
ma io devo andare a la guera
la mia bela aspeterà.

Il nemico è là in vedetta:
O montagne tutte bele
Valcamonica del mio cor.

 Posted by at 23:51

Le carrozze

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Canto popolare trentino (Val di Non)
Armonizzazione di Renato Dionisi

Le carrozze son già preparate,
i cavalli son pronti a partire.
Dimmi, ohi bella, se tu vuoi venire
e questa notte a passeggio con me.

Mamma mia, chi era mio padre?
Figlia mia tuo padre è già morto.
Tu sei figlia di un padre sepolto
che col pugnale lo feci morir!

Mamma mia, perché l'hai ucciso?
Figlia mia, perché m'ha tradito:
m'ha rubato l'anello dal dito
e un'altra donna voleva sposar.

 Posted by at 23:04

La Marcellina

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Canto popolare lombardo – Archivio Corale «Bilacus»
 

Laggiù in fondo, laggiù in fondo di quel boschetto
c'è una pianta, c'è una pianta di verdolina
ci sta sotto, ci sta sotto la Marcellina
che piangeva, che piangeva nel far l'amor.

Lal-la-là, la-la-la-la-là,
tu sei bei bella, tu sei cara, la-là,
la-la-la-la-là, la-la-lal-lal-là,
te lo dico in verità.

«Perché piangi, perché piangi o Marcellina?
Il tuo pianto, il tuo pianto el mi fa male;
prendi l'ago, prendi l'ago ed il ditale
e rimettiti, e rimettiti a lavorar».

«Lavorare, lavorare io più non posso:
ho la vista, ho la vista che mi traballa;
ho l’amore, ho l’amore che mi travaglia,
lavorare, lavorare non posso più».

Lal-la-là…

Salta fora, salta fora la sua oi mamma
con la lingua, con la lingua di serpentina:
«Marcia in camera, marcia in camera, o Marcellina,
lascia stare, lascia stare quel birichin!».

«Io non sono, io non sono un birichino
e nemmeno, e nemmeno un malfattore:
sono figlio, sono figlio di un gran signore,
son venuto, son venuto per far l’amor».

Lal-la-là…

«Ho girato, ho girato tutta l’Italia,
‘na gran parte, ‘na gran parte dell'Inghilterra
ma una giovane, ma una giovane così bella
non la troverò, non la troverò mai più».

 Posted by at 22:59

San Franciscu

 Canti di repertorio, Canti popolari  Commenti disabilitati
ott 132013
 

Canto popolare ternano
Parole e musica di Furio Miselli (1901)
Adattamento per coro maschile di Gianfranco Algarotti

Una vorda de questa giornata
giù lo spiazzo dell’Urmu che era!
Ch’alligria da matina a la sera,
tra li soni, lo 'bbé e lo ballà!
De San Marcu le belle 'nfiorate
oh, ch’addore de bussu e mortella
San Franciscu che musica bella
Oh che tempi! Che vòli scordà!

Bellu tempu, bellu tempu si’ firnitu,
ma perché, ‘n’arvèni più, ‘n’arvèni più?
Terni nostru, Terni nostru, 'ndo’ si' jitu?
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu! (2 v)

Pe’ San Marcu ce sta ‘na finestra
‘ndo lo sole ‘na vorda arlucèa
quanno mamma affacciata ci stèa,
nzieme a nonna ‘sta festa a vedè
Mo’ la pora finestra lucente
non cià più quillu bello sprennòre
mo’ se passo me sendo lu core
Che se sfragne a vedèlla accucì

Bellu tempu, bellu tempu si’ firnitu,
ma perché, ‘n’arvèni più, ‘n’arvèni più?
Terni nostru, Terni nostru, 'ndo’ si' jitu?
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu! (2 v)
Terni mia, non sì più tu, non sì più tu!

 Posted by at 22:55

Monte Canino

 Canti di repertorio  Commenti disabilitati
ott 132013
 
Canto degli Alpini – Armonizzazione di Luigi Pigarelli
 
Non ti ricordi quel mese d’Aprile,
quel lungo treno che andava al confine.
Che trasportavano migliaia degli alpini:
su, su, correte: è l’ora di partir!
 
Dopo tre giorni di strada ferrata,
ed altri due di lungo cammino,
siamo arrivati sul Monte Canino
e a ciel sereno ci tocca riposar.
 
Se avete fame guardate lontano,
se avete sete la tazza alla mano.
Se avete sete la tazza alla mano
che ci rinfresca la neve ci sarà.
 Posted by at 22:46
ott 132013
 

(Heilig, Heilig, Heilig! – Sanctus aus der deutschen Messe – II)

Musica di Franz Schubert (1797-1828)

Testo italiano di Dante Destefanis

 

Salga a te Signore, l’inno della Chiesa

l’inno della fede che ci unisce in Te.

Sia gloria e lode alla Trinità!

Santo, santo, santo per l’eternità.

 

Una è la fede, una la speranza,

uno è l’amore che ci unisce a Te.

L’universo canta: lode a Te, Gesù!

Gloria al nostro Dio, gloria a Cristo Re!

 

Fonte d’acqua viva per la nostra sete,

fonte di ogni grazia per l’eternità.

Cristo, uomo e Dio, vive in mezzo a noi:

egli nostra via, vita e verità.

 

Venga il tuo Regno, regno di giustizia

regno della pace, regno di bontà.

Torna, o Signore, non tardare più.

Compi la promessa: vieni o Gesù!

 Posted by at 22:36

Il Signore è il mio pastore

 Canti liturgici  Commenti disabilitati
ott 132013
 

(Salmo 22 – Del pastore buono)

Testo di David Maria Turoldo – Musica di Bepi De Marzi

Il Signore è il mio pastore nulla manca ad ogni attesa.

In verdissimi prati mi pasce, mi disseta a placide acque.

É il ristoro dell'anima mia, in sentieri diritti mi guida

per amore del santo suo nome, dietro di lui mi sento sicuro.

Pur se andassi per valle oscura non avrò a temere alcun male

perché sempre mi sei vicino, mi sostieni con tuo vincastro.

Quale mensa per me tu prepari sotto gli occhi dei miei nemici !

Del tuo olio profumi il mio capo: Il mio calice è colmo di ebbrezza.

Bontà e grazia mi sono compagne quanto dura il mio cammino;

io starò nella casa di Dio lungo tutto il migrare dei giorni.

 Posted by at 22:23